Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Galleria immagini

 

Galleria immagini

Inserire i parametri per la ricerca

29 Aprile 2020
49. Roma Febbraio 2020
L’ombra di una palma amoreggia con una finestra di Palazzo Barberini. Le pareti esterne vogliono gareggiare con la bellezza soprattutto interna (le scale del Bernini e del Borromini, le gigantesche sale arazzate, le centinaia di opere d’arte del museo) che questo palazzo contiene. Il simulacro di una pianta – non è forse questo la sua ombra? – che solletica due persiane.
Soundtrack: “L’amore è tutto qui” Piero Ciampi (da “Andare camminare lavorare e altri discorsi” 1975 Rca)
Roma
28 Aprile 2020
50. Roma Aprile 2020
Questa è l’unica foto di questa mostra scattata durante il lock down. Il contesto non è particolarmente attraente: il viale d’ingresso della Metro Cipro, a pochi passi da casa mia. Eppure anche qui è successo quello che ci è stato raccontato da cellulari, reflex e videocamere di mezzo mondo: la natura si è ripresa i suoi spazi, reclamando le sue proporzioni. Difficile sorprendere senza persone questo vialetto, in tempi normali. In un feriale d’Aprile con pandemia in corso invece, non c’è anima viva. Resta questo magnifico imbuto di rampicanti e di fiori che esonda nello spiazzo a fianco. Come tentasse di provocare una giungla colorata. In attesa che l’uomo si senta meno spaventato e ricominci a far finta di dominare tutto, come ai vecchi tempi.
Soundtrack: “Aspettando il nuovo giorno” Perigeo (da “Azimut” 1972 Rca)
Roma


1060