Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Noir. CANCELLATO

Data:

26/03/2020


Noir. CANCELLATO

Noir


Un dialogo con gli autori Simone Cozzi ed Andrea Cotti sul noir italiano, un confronto tra lo stile più riflessivo, intimista ad ambientazione milanese e dintorni del primo, e la Roma multietnica, stile action movie del secondo. Un'occasione per paralre con loro del noir italiano, della sua tradizione e delle sue specificità. 


Andrea Cotti per alcuni anni ha gestito una libreria specializzata nella poesia e narrativa italiana a San Giovanni in Persiceto (BO), dove è nato nel 1971. Attualmente vive tra le campagne di Crevalcore e Roma.
Scrive poesie, racconti, romanzi, anche per ragazzi e noir. Dai suoi libri sono stati realizzati il film "Marpiccolo" (tratto dal romanzo "Stupido") e “Un gioco da ragazze” (tratto dall’omonimo romanzo). Lavora anche come scrittore di sceneggiature, ad es. della serie televisiva “L’Ispettore Coliandro” e “Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio”.
È editore per la Mondadori e, con la sua società, editor per la Emme Produzioni/Qualità Cinema. Atore di romanzi e raccolte di poesia, tra i suoi testi ricordiamo "Un gioco da ragazze" (Colorado 2005), da cui è stato tratto il film omonimo sotto la regia di Matteo Rovere, e "Il cinese" (Rizzoli, 2018). 


Simone Cozzi, nato a Milano nel 1967, è laureato in Economia e Commercio. Dal 2011 al 2017 ha curato il blog Le cronache di Sigma e nel 2014 ha preso parte al Cochonnerie-Labile Collettivo, con il quale ha pubblicato Fatti mangiare dall’amore. Nel 2015 il suo primo romanzo La pace inquieta e, nel 2016, Doppio Strato. Lo spazio torbido è il suo terzo romanzo, sempre per le edizioni Panda.

 

Informazioni

Data: Gio 26 Mar 2020

Orario: Dalle 18:30 alle 20:30

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura

In collaborazione con : Forum Italia e.V.

Ingresso : Libero

Massimo numero di partecipanti raggiunto


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura, Hermann-Schmid-Str. 8, 80336 München

1233