Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Mostra “Pellegrino Artusi e l'Unità d'Italia in cucina”

Data:

02/12/2016


Mostra “Pellegrino Artusi e l'Unità d'Italia in cucina”

„Artusi: per antonomasia libro di cucina. Che gloria! Il libro che diventa nome! A quanti letterati toccò tale sorte?” (Alfredo Panzini, 1905)

 

Pellegrino Artusi (Forlimpopoli, 4 agosto 1820 – Firenze, 30 marzo 1911) è stato scrittore, gastronomo e critico letterario, nonché autore del celebre libro di cucina “La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene”, che da oltre cento anni viene ristampato e tradotto in molte lingue. L’opera di Artusi, considerato il primo trattato gastronomico dell’Italia unita, viene oggi riscoperto e, a ragione, accolto nel canone della letteratura italiana.

 

"Ogni popolo usa per friggere quell’unto che si produce migliore nel proprio paese. In Toscana si dà la preferenza all’olio, in Lombardia al burro, e nell’Emilia al lardo che vi si prepara eccellente, cioè bianchissimo, sodo e con un odorino di alloro che consola annusandolo. Da ciò la strage inaudita, in quella regione, di giovani pollastri fritti nel lardo, coi pomodori. Nelle fritture di grasso io preferisco il lardo perché mi sembra dia un gusto più grato e più saporito dell’olio. Il pollo si taglia a piccoli pezzi, si mette in padella così naturale con sufficiente quantità di lardo, condendolo con sale e pepe. Quando è cotto si scola dall’unto superfluo e vi si gettano i pomodori a pezzetti dopo averne tolti i semi. Si rimesta continuamente finché i pomodori siensi quasi strutti e si manda in tavola."

 

Orari di apertura:
Dal luned'al giovedì: ore 10-13 e ore 15-17
Venerdì: ore 10-13.30

 

Durata della mostra: 2 dicembre 2016 - 20 gennaio 2017

 

Informazioni

Data: Da Ven 2 Dic 2016 a Ven 20 Gen 2017

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura Monaco di Baviera

In collaborazione con : Regione Emilia Romagna, Casa Artusi, Forum Italia e.V.

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura

1075